Bitterness
(Hellvis - Dicembre 2004)


Ai Bitterness sono occorsi ben sette mesi per rispondere a queste poche domande! Più volte ho pensato di cancellare questa intervista dalle mie prenotazioni. Alla fine però Frank Urschler, il chitarrista, è riuscito a mandarci qualche cosa. Eccoci quindi a riparlare di questi Bitterness alla fine del 2004. Questo ottimo gruppo tedesco mi aveva impressionato con "Sweet Suicide Solutions", un album multiforme ricco di idee interessanti. Potete trovare la sua recensione nell'archivio della webzine.



Il vostro monicker e l'artwork del CD hanno un alone gotico. Lo stesso può essere detto della maggior parte dei testi. Perché avete deciso di esprimere un sentimento talmente malinconico e decadente con uno stile aggressivo quale il death/thrash metal?
Personalmente penso che liberare l'aggressività sia una cosa buona. Puoi urlare la tua "depressione" anziché startene "solitario", calmo, triste e depresso mentre pensi che tutto sia così brutto. Puoi uscire e dire alle persone che ti stai deprimendo a causa di qualche sfiga che c'è in questo mondo o nella tua vita! Non devi nascondere le tue emozioni!

"Sweet Suicide Solutions" mi è piaciuto moltissimo per via del songwriting così creativo. Avete già un vostro suono personale e questa è una buona cosa. Chi è il compositore principale? Come create la vostra musica? Avete un approccio istintivo ad essa o siete delle persone metodiche?
Io sono quello che scrive la maggior parte delle canzoni ed anche il nostro bassista Sebastian ha scritto alcune tracce. Normalmente uno di noi propone un'idea base su come una canzone debba suonare. Dobbiamo decidere se i riff ci piacciono e in che ordine dovremmo suonarli. Poi ci mettiamo lì con il nostro batterista Andreas e completiamo l'arrangiamento, poi tutto passa al nostro secondo chitarrista Alex che aggiunge tutte le sue idee e intuizioni. Questo è tutto! E' come la costruzione di una casa. Prima devi fare le fondamenta ed in seguito puoi costruirci sopra.

La cover dei Sepultura alla fine del CD è stata proprio una bella sorpresa! Inoltre una canzone come "Chain Of Command" mi ha portato in mente il buon vecchio death metal svedese (non quello melodico, ovviamente!). Allora, quali sono le vostre band preferite? Che tipo di musica ascoltate? Pensate che le band storiche siano una vostra fonte d'ispirazione?
Ci piacciono tutti i diversi stili della musica (metal)! Ascoltiamo power metal, thrash, death, black ecc. Io adoro ascoltare i vecchi gruppi thrash come Kreator, Forbidden, Destruction, Depressive Age, ecc. ed anche i gruppi death metal svedesi tipo Dismember, At The Gates, Unanimated, ecc... Mi piacciono anche i vecchi lavori degli Helloween, Running Wild, Blind Guardian, Iced Earth, Morgana Lefay e Sanctuary/Nevermore. Penso che ogni tipo di musica che ascolti sia per te un'influenza. Pertanto le band storiche sono un'influenza sicura in qualche modo ma non cerchiamo mai di copiarle.

So che avete pubblicato un vinile con la Heavy Horses Records. Cosa ci puoi dire in tal proposito? E perché avete deciso di registrare nuovamente una canzone quale "Eve Of Destruction"?
Abbiamo pubblicato un picture 7" con l'etichetta Heavy Horses con le canzoni "Eve Of Destruction" (versione album sul lato A) e "Sentenced To Live" (versione live sul lato B)! La copertina è simile a quella di "Sweet Suicide Solutions" mentre il retro copertina mostra alcune nostre foto particolarmente pazze. Il picture disk è limitato a 300 copie. Abbiamo scelto "Eve Of Destruction" per il 7" perché il titolo stava molto bene con l'artwork della copertina e perché dobbiamo sempre suonare questa canzone nei concerti. Il pubblico non ci lascia andare se non suoniamo quella canzone, così abbiamo pensato che potesse essere un'ottima cosa ripubblicarla come picture 7".
Abbiamo anche pubblicato quattro nuove canzoni come 7" EP su un vinile nero limitato a 500 copie in cooperazione con l'etichetta tedesca G.U.C.! Queste canzoni mostrano il "prossimo livello" del nostro songwriting. Le canzoni sono quattro brevi assalti realizzati con un miscuglio di death/thrash metal melodico. Molto diretti e intensi!

In genere i vostri testi sono introspettivi e tristi. Alle volte descrivono amori sofferti. Ma ho notato anche che i testi della prima canzone e quelli dell'ultima (senza considerare la ghost-track) toccano tematiche sociali, risultando quindi estremamente diversi dagli altri. C'è un concept che regola l'intero universo testuale dei Bitterness?
Dietro ai testi non c'è un concept diretto. Scriviamo riguardo alle cose con cui abbiamo a che fare nella nostra vita. Come i problemi nella nostra società, il sistema politico, le relazioni, ecc. Visto che tutti nella band possono scrivere i testi delle canzoni, non ci sono limiti per nessuno di noi.

La Germania è sempre stata il cuore metal dell'Europa. Cosa ci puoi dire dei nuovi gruppi underground tedeschi? Conosci qualche band promettente che meriterebbe di essere conosciuta?
Ci sono troppe band sulla scena tedesca per menzionare tutte quelle buone. Ma abbiamo alcuni amici con i quali ci piace suonare e che hanno tutti un loro stile personale. Prova ad accostarti agli Edgecrusher, ai Second Coming ed ai Dark Assault.

So che avete suonato un gran numero di ottimi concerti. Cosa ci puoi raccontare nei riguardi delle esibizioni live dei Bitterness: sono entusiasmanti?! Avete mai suonato fuori dalla Germania? C'è un vostro concerto che vi ha esaltato più degli altri?
Penso che siamo una live-band! Cerchiamo di dare il 100% quando siamo sul palco e non importa quante persone ci siano o se il pubblico impazzisce! Fintanto che alcuni ragazzi apprezzano la musica ed urlano e scuotono le loro teste, "we will rock"! Ci divertiamo così tanto a suonare dal vivo! Abbiamo tenuto alcuni concerti in Svizzera, in Austria e in Belgio! Ma la maggior parte dei concerti li abbiamo suonati, naturalmente, in Germania. Mi piacerebbe suonare qualche concerto in Italia e forse un giorno questo sarà possibile! La maggior parte dei concerti che abbiamo suonato sono stati proprio fighi ma ricordo ancora quello in Svizzera con i Tankard! E' stato un grande show e i ragazzi dei Tankard sono veramente killer. Anche il tour con Third Moon ed Aliengates è stato ottimo.

Progetti per il futuro?
L'etichetta italiana Danza Ipnotica Record pubblicherà un nostro split 7" con il gruppo thrash tedesco Witchburner alla fine del 2004. Conterrà due nostre nuove canzoni! Stiamo anche programmando un breve tour in Germania per l'inizio del prossimo anno con una band tedesca molto nota, ma la cosa non è ancora confermata!

Grazie per l'intervista! Scrivi ciò che vuoi per i lettori di Shapeless!
Voglio proprio ringraziarvi per l'intervista e voglio anche gridare un forte "Thrash 'til Death!" a tutti i vostri lettori. Visitate la nostra homepage o scrivetemi!

Sito internet: http://www.bitterness.de/