Aydra
(teonzo - Settembre 2002)


Ecco l'intervista fatta via mail con Mauro, il cantante degli Aydra (una volta suonava pure il basso). Ragazzi, tenete d'occhio sto gruppo, anzi, comprategli "Icon Of Sin" perché non ve ne pentirete! All'estero sono ormai un gruppo di culto, ogni volta che entro in contatto con qualcuno che li conosce mi dicono che noi italiani siamo idioti perché, pur avendo i grupponi, la gente non li caga e restano sconosciuti... come dargli torto??? Quindi fregatevene se un gruppo abbia o no la pubblicità sulle riviste, quello che conta è la qualità!!!



Allora, tanto per cominciare ecco la solita domanda rompicoglioni: ci racconti la storia degli Aydra e ci descrivi la line-up attuale del gruppo?
Gli Aydra nascono nel 1985, ma da allora la line-up è cambiata totalmente: io sono entrato nel 1991, Francesco (chitarra) nel 1992, Nicola (batteria) nel 1995 ed Andrea (il nuovo bassista, ex Infernal Poetry) nel 2000; Marcello (chitarra ritmica) ha lasciato la band nel 2001 ed ora stiamo suonando in 4, stiamo anche provando un nuovo ragazzo alla chitarra ma di cui ancora non voglio parlare. Abbiamo registrato 5 demo e 2 CD, "Psycho Pain Control" ed "Icon Of Sin", tutto il nostro materiale ha sempre avuto dei buoni responsi tra le zine, i magazine e gli addetti ai lavori. Nel corso di tutti questi anni abbiamo suonato parecchio in giro e ci è capitato così di suonare anche con band più affermate come: Napalm Death, Sadist (periodo "Tribe"), Undertakers e numerose altre band italiane e non. Raccontarti tutta la nostra storia è praticamente impossibile. Gli anni pesano sulla nostra memoria.

"Icon Of Sin" ormai è fuori da circa 3 anni... ci puoi dire com'è andato finora sia come recensioni che come vendite?
"Icon Of Sin" ha ottenuto delle buonissime recensioni in tutto il mondo, Italia compresa. Quasi tutti hanno apprezzato il nostro lavoro e stanno arrivando proposte interessanti per la pubblicazione dell'album in Canada e nel continente asiatico, fondamentalmente all'estero apprezzano di più quello che facciamo. L'album ha venduto circa 1000 copie senza uno straccio di distribuzione, ed ora stiamo pensando di ristamparlo, dato che la gente continua a richiedercelo. Non ci lamentiamo, anche se attraverso una buona distro avremmo potuto vendere il triplo, pazienza. Speriamo di trovare una label seria per il prossimo lavoro, per ora alcune case discografiche francesi e danesi sembrano interessate ad ascoltare il nuovo materiale. Stiamo a vedere.

Che metodo usate per comporre le canzoni?
Solitamente io o Francesco o Andrea componiamo a casa delle canzoni complete, tutti e tre abbiamo uno stile simile ma caratteristico, dopodiché in sala prove si riarrangiano i riff, secondo le esigenze ed i gusti di tutti noi. Nicola ha un ruolo fondamentale nella creazione della base ritmica del pezzo, che viene comunque ristrutturato nel caso in cui dopo ascolti ripetuti non risulti convincente, siamo comunque molto critici con noi stessi, quindi per raggiungere il risultato finale per un pezzo passano dei mesi; solo se poi il pezzo ci fa rabbrividire lo teniamo, altrimenti viene scartato. Le liriche le scriviamo io e Andrea, per ora stiamo lavorando ai nuovi testi, ma preferisco non parlarne dato che saranno un punto di forza del prossimo lavoro, e vorrei farti una sorpresa.

Di cosa parlate nei vostri testi?
In "Icon Of Sin" non c'è un filo conduttore, i pezzi sono stati composti in un arco di tempo decisamente lungo, in quel periodo sono successe cose che in un modo o nell'altro ci hanno stimolato e influenzato (esperienze personali, fatti di cronaca, riflessioni personali, etc.). "Icon" esprime la nostra visione del mondo e dell'uomo.

E' vera la voce di corridoio secondo cui hai smesso di suonare il basso dal vivo perché ti mordevi la lingua mentre cantavi e suonavi assieme??? heheheeheh!!!
Bè! Sarà sicuramente capitato qualche volta, ma il motivo per cui ho deciso di cantare e basta e stato perché le song continuavano ad essere sempre più complesse ed in vista delle nuove composizioni ho preferito buttarmi solo sulla voce per dare spazio ad Andrea. Io e lui ci conosciamo fin dalle superiori (andavamo a scuola insieme). Ho avuto modo di seguire le sue evoluzioni nell'arco di numerosi anni. Quando gli ho proposto di venire a suonare con noi sapevo già, come penso già lo sapesse anche lui, che era l'unica persona in grado di interpretare nel modo corretto la filosofia della nostra band.

Anche tu come me sei un grande fan dei DEATH. Ti va di dire due parole in memoria del grande Chuck?
Noi tutti siamo cresciuti musicalmente ascoltando la musica dei Death, il mondo non ha perso solo un grande artista, ma anche e soprattutto una grande persona (i suoi testi sono manifesto della sua personalità). In futuro il nostro nuovo album sarà dedicato a lui. per adesso riposa in pace, perché il tuo ricordo non vive solo nella nostra mente, ma anche nella musica di tutte le band che si sono scontrate con il tuo genio.

In Italia abbiamo forse il miglior arsenale al mondo di gruppi techno-death, oltre a voi ci sono i Coram Lethe, gli Hand Of Doom, i Nightside e molti altri... vi sentite parte di questa scena? Siete in contatto con questi gruppi? E cosa ne pensate?
Non conosco di persona i Coram Lethe ed abbiamo suonato una volta con gli Hand Of Doom, ho ascoltato comunque la loro musica e l'ho apprezzata molto, e sono felice di questa scena crescente nel nostro paese. Personalmente mi piacciono molto i Gory Blister ed i Priority. In futuro sarebbe bello cercare di suonare tutti insieme, ma sono un po' cotrario alla discriminazione di genere. Puoi suonare Brutal Death, Grindcore, Hardcore, Techno-Death, Thrash, ma fondamentalmente siamo tutti sulla stessa barca e creare delle sottocategorie di genere più marcate di quelle che già ci sono potrebbe spingerci a remare in direzioni opposte e con meno forza.

Quali sono i progetti futuri per gli Aydra? C'è un nuovo album in programma?
Come ti dicevo stiamo lavorando sodo, abbiamo 8 pezzi pronti e stiamo lavorando ad altri 2 pezzi. Non so dirti il mese in cui lo regitreremo, ma sicuramente uscirà nel 2003. Per adesso posso dirti che sarà un degno successore di "Icon Of Sin" e ci saranno anche delle innovazioni: l'entrata di Andrea ha portato ad un'evoluzione tecnica che non sarà indifferente. Stiamo presentando alcuni pezzi dal vivo e il nostro pubblico ne è entusiasta.

Nella zona di Ancona ci sono un bel po' di bei gruppi, come Infernal Poetry, Edenshade, Gotha ed Algophobia. Com'è la scena dalle vostre parti? C'è amicizia tra i gruppi? E ci sono altri gruppi della zona che ci volete segnalare?
Da diversi anni ormai tra le band della zona c'è amicizia e collaborazione, come ti dicevo prima bisogna cercare di remare tutti nella stessa direzione, per cui ci si trova spesso a suonare insieme. Con tutte le band siamo in buoni rapporti e non mancano le serate in cui ci si sballa tutti insieme.
Recentemente abbiamo fatto un festival (Extreme Metal Scene) nel quale hanno suonato tutte le band più floride della zona: Aydra, Infernal Poetry, Pink Little Pig, Os.Cu.Re, Vortice Cremisi, Hexahedron, Soundkiller, De-Toi, Metempsychosis. Poi ci sono anche Edenshade, Engram, Priority, Resurrecturis, Kurnalcool e Centurion. Tutte ottime band con ottime recensioni ed ognuna con una forte personalità, l'amicizia ci lega l'uno all'altro ed è sempre bello vedersi in giro e farsi una birra insieme.

C'è qualche album o demo di uscita recente che ti ha colpito e vuoi consigliare ai lettori?
Ho sentito e contattato ultimamente una band cilena che mi è piaciuta parecchio, peccato per il nome del cazzo, ma non fatevi intimorire perché sono veramente bravi, si chiamano Coprofago e ho letto la loro recensione nella tua zine (wow, allora faccio qualcosa di buono! - nd teonzo), ho scaricato alcuni pezzi dal loro sito ed ho cercato di contattarli per avere il loro disco.

Meglio le more, le bionde o le rosse?
Meglio le tette, il culo e la figa.

Che qualità deve avere la tua groupie ideale?
Deve avere poco cuoio addosso, ma una sana propensione per la carne, sono un fanatico del sesso orale, ma non amo fruste e frustini quindi il pollice è verso per le dark e se sono troppo bianche mi deprimono, però questa è solo una preferenza, alla fine se respira è già sufficiente.

Ok, ho finito con le domande... ora hai tutto lo spazio che vuoi, puoi incazzarti con chi vuoi, fare un discorso all'umanità, sparare un paio di cazzate... insomma, hai carta bianca!
Grazie per l'intervista e per il reale supporto che ci stai dando, venite a visitare il nostro sito, fatevi un giro, scaricatevi qualche brano e firmate il nostro guestbook.
Ci vediamo a qualche nostro concerto!
Ciao!

Mail: aydra@tin.it
Sito internet: http://www.aydra.it/