Audiopain
(BRN - Maggio 2004)


Sono venuto in contatto con Sverre Daehli degli Audiopain in maniera un po' casuale, fatto sta che un paio di mesi fa mi ha spedito il demo "Revel In Desecration" e devo dire che la sua band merita sicuramente un buon seguito anche all'estero, dopo che nella loro Norvegia sono diventati abbastanza conosciuti. Proprio nei giorni in cui ho inviato via mail le domande per questa intervista sono usciti un paio di nuovi lavori che portano il marchio Audiopain sui quali Sverre ci ha dato alcune anticipazioni a riguardo, e ci ha pure svelato alcuni aspetti poco noti legati alle collaborazioni con Fenriz e i Mysticum. Queste risposte schiette e sincere sono dunque una interessantissima testimonianza di cosa sta accadendo attorno al gruppo e alla scena locale in genere.
Nota: quando ho inviato le domande non avevo ancora sentito "The Traumatizer", che me lo sono poi visto arrivare quando ormai l'intervista era già stata fatta.



Ciao Sverre, come va? Avete appena registrato un nuovo CD, il vostro debutto ufficiale: vuoi introdurre "The Traumatizer" ai lettori? E puoi svelarci le ultime novità in casa Audiopain? In particolare, so che è uscito anche un doppio split EP con Aura Noir, Infernö e Nocturnal Breed.
Ciao, qui tutto bene, grazie! Già, come hai detto, "The Traumatizer" è uscito e, assieme allo split "Uberthrash" che hai appena menzionato, rappresenta grosso modo quanto di nuovo abbiamo fatto ultimamente. C'è stato un interesse crescente attorno alla band, ultimamente, cosicché c'è un po' di lavoro da fare. Roba amministrativa e promozionale, come interviste e distribuzioni. Abbiamo anche suonato qualche concerto, ma i prossimi saranno fissati per l'estate. Inizieremo a suonare di più nel tardo inverno, e probabilmente inizieremo anche a comporre e registrare qualcosa di nuovo. Un circolo vizioso, insomma. Lo split che hai accennato consiste in un doppio 7", di quelli con la copertina ripiegata, nel quale Aura Noir, Nocturnal Breed, Infernö e Audiopain hanno un lato ciascuno per dar vita ad un massacro, ognuno con una canzone esclusiva. Quest'uscita porta il marchio Duplicate Records, ed è limitata a 500 copie. Abbiamo il compito di fare qualcosa, tipo un monumento di sporco Thrash norvegese.

Ci sono differenze tra "Revel In Desecration" e le nuove uscite? Secondo me il vostro stile è abbastanza simile ai primi Aura Noir, sei d'accordo?
Penso che anche le ultime due siano tipici lavori Audiopain, ma "Revel In Desecration" è più che altro un tradizionale attacco Thrash rispetto a "The Traumatizer". Quest'ultimo include anche altri elementi, e alcuni dicono che ci sono più influenze Black in esso (posso confermarlo - nd BRN).
"Revel In Desecration" è stato registrato in fretta in analogico, mentre "The Traumatizer" è stato registrato in digitale e masterizzato professionalmente, e così il suono è differente. Comunque nessuno dei due suona clinico o pulito, questo è essenziale. Non posso sopportare quelle megaproduzioni di adesso, che non fanno altro che alimentare quell'industria inquinata della musica. Batterie che suonano come nacchere e chitarre rimpiazzate dai synth!?! Fanculo! I tuoi riferimenti riguardo gli Aura Noir non sono del tutto sbagliati, così come è certo che loro sono stati gli iniziatori del nostro stile musicale. Però loro sono più Black e "brutti" musicalmente. Abbiamo anche qualche divergenza mentre componiamo, visto che loro sono alla ricerca di materiale vecchia scuola, mentre noi facciamo quello che ci sentiamo sia giusto. Abbiamo suonato spesse volte assieme, e lavoriamo molto bene assieme. Sono definitivamente una delle migliori band in giro, così, se proprio ci dobbiamo ispirare a qualcuno, spero che siano loro... hehe. Senza nessuna intenzione di suonare uguali, comunque!

Cosa vi aspettate da questi due nuovi lavori? C'è stata qualche etichetta che vi ha contattati in passato? Che responsi avete ottenuto?
Abbiamo sempre ottenuto critiche molto buone, e sempre più gente entra nel mondo Audiopain. Ci sono state alcune etichette che si sono interessate negli ultimi anni ma, visto che preferiamo fare per conto nostro, così dobbiamo fare! Abbiamo licenziato alcune nostre uscite ad etichette e distributori, e comunque abbiamo anche fatto degli split sotto delle etichette. Mi aspetto che "The Traumatizer" ci collochi come una risposta alle altre band di oggi, molte delle quali al massimo cercano di suonare completamente simili.

Chi è il maggior compositore nella band? Come componete in genere?
Non c'è un maggior compositore negli Audiopain. Siamo un'unità nella quale noi tutti contribuiamo al massimo. La maggior parte delle canzoni sono state arrangiate durante le prove, costruite su alcuni riff e temi che abbiamo fatto separatamente. Per ultimo, i testi vengono scritti in modo che si addicano all'atmosfera della musica.

Avete suonato molto dal vivo in passato. Pensi che gli Audiopain siano soprattutto una live band? Ci sono possibilità che suonerete all'estero?
Sì! Gli Audiopain sono una live band, e spero che suoneremo all'estero. Siamo già stati in contatto con diversi organizzatori, ma non è ancora successo nulla. Staremo a vedere!

Suonate delle cover dal vivo?
Abbiamo suonato "Escape (From The Island)" dei Kiss una volta a Sandnes. E' stata l'unica volta che abbiamo suonato una cover dal vivo. L'abbiamo anche registrata, ma non è mai stata pubblicata.

Avete dedicato "Revel In Desecration" a Paul Baloff e Chuck Schuldiner (R.I.P.). Cosa rappresentano per voi?
Beh, non è proprio così. Non l'abbiamo dedicato a quei ragazzi, ma volevamo solo dar loro un ringraziamento speciale. Entrambi sono stati tra i maggiori responsabili per lo sviluppo di un genere nel quale noi siamo addentro, e ci hanno consegnato alcuni pezzi d'arte che hanno significato molto per noi. Nulla più.

Fenriz dei DarkThrone ha scritto il testo di "Infuriation Scalp"; come siete venuti in contatto con lui? Collaborerete ancora con lui?
Fenriz è un nostro stretto amico, ed è stato coinvolto negli Audiopain fin dai primi tempi. E' un amante della musica in genere, e la sua conoscenza in ambito Thrash Metal è davvero impressionante. Effettivamente lui è venuto da noi con il testo proprio mentre ci trovavamo improvvisamente ad averne bisogno di uno durante le registrazioni di "Revel In Desecration", e così l'abbiamo usato. Non abbiamo piani per future collaborazioni con lui, ma se tutto andrà per il verso giusto potrebbe essere...

Avete anche pubblicato uno split EP con i Mysticum alla fine del 2003. Si trattava di un'edizione limitata? Quanto ha venduto finora? E' strano, perché, in tutta sincerità, io non avevo mai sentito gli Audiopain prima di comprare quell'EP direttamente da te. Pensi che il nome Mysticum a fianco al vostro possa rendere gli Audiopain più conosciuti fuori dalla Norvegia? Quando avete incontrato per la prima volta i ragazzi dei Mysticum e chi ha avuto l'idea per uno split EP?
Lo split EP è uscito per la norvegese Worship Him Records in un totale limitato a 700 copie. E' stato venduto dall'etichetta in circa due mesi da quando è stato pubblicato. Sì, ovviamente ha reso la nostra band più conosciuta fuori dalla Norvegia, essendo i Mysticum un fenomeno cult in tutto il mondo. Siamo stati contattati da un po' di persone dopo questa pubblicazione, e sembra che i Mysticum siano ancora molto popolari là fuori. Abbiamo ricevuto commenti estremamente positivi anche noi, cosicché questo split è una gran cosa per noi.
Visto che i Mysticum vengono da una piccola cittadina chiamata Asker nella quale vivo anch'io, siamo stati nella stessa scena musicale locale e abbiamo amici in comune, fin dai primi anni novanta. Petter e Robin si sono conosciuti in quei giorni. Abbiamo iniziato a collaborare non so quando nel 1997, e l'idea di un EP venne dopo che i Mysticum registrarono alcune tracce nel mio studio. Una di queste venne così bene da farci pensare che sarebbe potuta essere pubblicata. Visto che anche noi avevamo alcune tracce registrate, abbiamo voluto far ciò con uno split.

Riguardo ai Mysticum, sai quando dovebbe vedere la luce "Planet Satan"? Com'è la situazione nella band?
Non ho idea di quando verrà pubblicato, visto che hanno ancora da fare altre canzoni e provarle prima di entrare in studio. Sono ancora buoni amici, usciamo assieme e so che sono ancora intenzionati a portare avanti il discorso Mysticum. Ma, esattamente, non è ancora sicuro quando potrai andare a comprare un nuovo disco dei Mysticum.

Non esiste un sito ufficiale degli Audiopain, o sbaglio? In che modo promuovete i vostri lavori di solito? Cosa ne pensi degli mp3?
Non ho assolutamente alcun problema con gli mp3. Non li uso per me stesso, comunque, ma penso che servano molto per un gruppo poco conosciuto per far conoscere la loro musica. Considero gli mp3 come lo scambio di cassette del giorno d'oggi, ed è proprio una buona cosa che l'industria del pop possa perdere mercato a causa loro. Se lo meritano!
No, non abbiamo un sito internet. Non pensiamo sia necessario, dato che tutto va bene anche senza. Non abbiamo intenzione di ottenere un successo commerciale enorme, cosicché un sito web sarebbe solo un problema in più per noi. Intendo dire, qual è lo scopo di avere una pagina web se non c'è davvero nulla da aggiornare? Abbiamo un'e-mail, comunque, dove rispondiamo a tutte le mail che ci arrivano. Questa è anche utile per quelli che vogliono ordinare i nostri lavori.

Ok, abbiamo finito. Termina questa intervista come preferisci! Buona fortuna!
Grazie BRN! Tutti i thrasher possono tenerci d'occhio contattandoci all'indirizzo mail già detto, visto che pensiamo di avere qualcosa da offrire, e spero che contribuiremo con qualcosa di diverso rispetto alla moda imperante. Fanculo ai trend! Ci vedremo!

Mail: audiopain@hotmail.com