Asgaard
(Hellvis - Giugno 2003)


Gli Asgaard sono un'interessante band polacca, della quale ho recensito due album di buon valore: "Ad Sidera, Ad Infinitum" e "XIII Voltum Lunae". Interpreti di un black d'avanguardia molto pomposo, si dimostrano maestri nel ricreare atmosfere bizzarre e allucinate. In particolare Przemylav Olbryt è un cantante istrionico e dotato, il cui cantato è inconfondibile. Partiti da una base gothic, nel corso del tempo si sono evoluti fino allo stile attuale, molto influenzato dagli Arcturus. Con alle spalle un demo e quattro album, questo sestetto ha ottenuto un solido consenso in patria. Ora è pronto per farsi conoscere anche nel resto del mondo.
L'intervista è stata condotta via e-mail. Il cantante Przemyslaw scrive a nome di tutta la band.



Cosa stanno facendo attualmente gli Asgaard? State preparando del nuovo materiale?
Non molto tempo fa siamo stati impegnati in un breve tour in Polonia. Questo per promuovere il nostro DVD "Lux In Tenebris" e la riedizione di "Ad Sidera, Ad Infinitum" (prima parte della trilogia continuata con "Ex Oriente Lux" e conclusa da "XIII Voltum Lunae").
Ora sono a Londra dalla mia fidanzata ma tutti gli altri membri degli Asgaard sono in Polonia, a preparare nuovo materiale. Che altro? Oh, questo agosto il nostro chitarrista Bartek si sposerà pertanto, soprattutto in previsione dell'abuso di vodka polacca, passerà ancora un po' di tempo prima che si possa parlare di un nuovo album degli Asgaard! Ahah!

In Polonia siete una band famosa. La vostra fama si sta diffondendo anche all'estero?
Gli Asgaard hanno registrato quattro full-length ed hanno acquisito una discreta fama tra i fan polacchi e stranieri. Che altro potremmo desiderare? Certo, sogniamo che la nostra musica venga indirizzata a un audience vastissima, che le vendite dei nostri CD siano milionarie e di suonare come supporto alla vergine Britney Spears... ma il problema più grande sono le risorse finanziarie limitate di tutte le etichette metal del mondo! In tutta sincerità, siamo lieti del rispetto che abbiamo conquistato tra chi ci conosce. Abbiamo avuto la possibilità di suonare tanti concerti con band interessanti; per fare dei nomi, abbiamo suonato con Limbonic Art, Behemoth, Viu Drakh, Driller Killer, Enslaved, Dark Tranquillity, Rotting Christ, Katatonia... Credo che il futuro, di conseguenza, ricompenserà il nostro schietto agire.

Com'è oggi la situazione musicale in Polonia? E' facile raggiungere il successo per una band metal?
Credo che in Polonia abbiamo una delle scene metal più interessanti del pianeta! Ci sono un sacco di grandi band che, passo dopo passo, stanno conquistando i cuori di tanti fottuti metallari in giro per il mondo! Ci sono parecchi giornali e stazioni radiofoniche dedicate al genere; la situazione è peggiore con le televisioni i cui manager temono qualche obiezione da parte delle melmose masse religiose, mentalmente ed ideologicamente rigide. Comunque, la situazione è senz'altro migliore adesso rispetto, ad esempio, a cinque o dieci anni fa, quando non potevi far conoscere la tua musica facilmente.

Avete iniziato la vostra carriera come una band gothic. In seguito avete cambiato direzione musicale. Qual è la ragione di questo cambiamento?
Il primo album degli Asgaard non è uno dei miei preferiti. Certo, ci puoi trovare molte soluzioni musicali interessanti, melodie avvincenti, ecc. ma "When The Twilight Set It Again" è carente come arrangiamenti intriganti così come di quel pathos e quell'energia cosmica caratteristici delle ultime produzioni della band. Tra l'altro, quell'album soffre anche di una produzione fottutamente scarsa che in un certo senso limita il suo vero potenziale. Per quanto riguarda i due precedenti cantanti, beh... il registro della mia voce riesce a rimpiazzarli ambedue egregiamente (ahah!) e, a parte questo, i timbri delle loro voci non erano affascinanti, né carismatici.
Come detto, il primo album non mi era piaciuto un granché ma, dopo che la band mi ha fatto sentire le nuove composizioni, tutti i miei dubbi sono svaniti! Tuttora sono fiero di collaborare con questi musicisti talentuosi e, visti i risultati, mi ritengo soddisfattissimo della mia decisione. Un passo alla volta, tutto è avvenuto con naturalezza.

Nella mia recensione ho scritto che la vostra maggiore qualità è il songwriting. D'altro canto, ho sottolineato che la vostra musica è ancora molto influenzata dagli Arcturus e band simili. Sei d'accordo con questo?
Senz'ombra di dubbio, la band che hai menzionato ha dato alla luce capolavori indiscutibili. Ci sono tanti grandi artisti, non solo musicisti, le cui creazioni hanno causato danni irreversibili alle nostre menti (ahah!) ma, voglio dire, non abbiamo mai voluto copiarne alcuna! Al tempo stesso, capisco che la gente cercherà sempre dei termini di paragone con le band più famose. Per contro, non possiamo farci nulla.

Avete definito la vostra musica come dark atmospheric metal. Cosa significa questa definizione? Ha un significato puramente musicale o si riferisce anche ai vostri testi?
Sì, gli Asgaard vengono definiti così solitamente e penso che, dovendo proprio dare una definizione, questa sia la più appropriata. La cosa più importante per noi è la creazione di atmosfere, di una gradualità di tensione musicale attraverso il cambiamento della sua intensità. Così, nelle nostre composizioni, potrai trovare il caos in contrasto con armonie monumentali o celestiali, o passaggi aggraziati con un tocco di ansia diabolica...
Gli Asgaard combinano la rapacità delle chitarre pesanti e tecniche con sofisticate parti di sintetizzatore (ispirate alla musica sinfonica). Il tutto è adornato dai miei vari vocalizzi che, effettivamente, trasformano questa musica in una specie di opera aliena, schizofrenica. Con una metafora, la nostra musica può essere descritta come un planetario o un teatro dei suoni...
Sì, penso che questa sia la definizione più azzeccata.

Che sensazioni volete comunicare con la vostra musica?
Principalmente, adoro i concepts. Per questo gli ultimi tre album degli Asgaard mostrano similitudini lirico-musicali. E' la storia di un uomo alla ricerca della verità sull'amore, la morte e lo scorrere dell'energia eterna; un uomo per il quale il mistero più grande è il reale struggimento dell'anima...
Prendi il nostro ultimo album, ad esempio. Musicalmente suona più aggressivo rispetto ai precedenti ma i suoi tratti distintivi continuano ad essere la sua peculiare drammaticità, grande espressività e... l'atmosfera di un teatro vuoto. Lo sai, gli Asgaard sono un gruppo molto strano e questo è il motivo per cui anche i nostri album sono bizzarri!
Certamente, anno dopo anno diventiamo musicisti sempre migliori. Questo ci dà la possibilità di esprimere agevolmente la nostra creatività.

L'uso del latino e dell'alfabeto ebraico gettano un ombra occulta sui vostri lavori. Che opinione avete dell'esoterismo? La vostra musica e i testi sono influenzati dall'occultismo?
La parte lirica dei nostri tre ultimi album include parecchio simbolismo. Ad esempio "XIII Voltum Lunae" (Il tredicesimo plenilunio) è la personificazione di qualcosa di inconcepibile per la limitata conoscenza del mondo materiale; è come un fantasticare sulla morte, l'idea di una dimensione celata dietro di essa... Questo è ciò che posso risponderti.

E' importante suonare dal vivo per gli Asgaard? C'è una band con la quale vi piacerebbe condividere il palco?
Sì, è importantissimo. Come ho detto prima, abbiamo avuto la possibilità di suonare con band grandi e famose. Adoriamo questa forma di espressione. Spero che un giorno potremo visitare il vostro paese perché voglio che voi, metallari italiani, possiate provare la nostra energia e captare il misterioso senso di passionalità nascosto nelle creazioni degli Asgaard!!!

Nel 2004 la Polonia entrerà a far parte dell'Unione Europea. Cosa ne pensi di questo? Sei favorevole o temi che possa comportare una perdita di identità nazionale?
Sinceramente non me ne frega niente della politica. So che è molto importante per la Polonia e la sua storia ma non sono affatto spaventato da ciò che hai detto. Rimarrò per sempre il cantante polacco della band polacca Asgaard.
Grazie mille per il tuo supporto! Saluti a te e a tutti i lettori!!! Vistate il nostro sito web!

Sito internet: http://asgaard.art.pl/