Alley
(Danny Boodman - Agosto 2009)


Eccoci a scambiare due chiacchiere estive con la lontana Russia e in particolare con gli Alley, che ci hanno regalato un bel debutto figlio degli Opeth e degno preludio ad un autunno pieno di malinconia.



Ciao Egor, iniziamo come sempre presentando la band e la sua storia.
Tutto è cominciato nel 2005, quando Audrey (Evtugin, chitarrista e cantante degli Alley - nd Danny Boodman) ed io siamo stati invitati a suonare in una band. È saltato fuori che avevamo un sacco di gusti in comune in fatto di musica e così abbiamo deciso di creare un progetto insieme. Audrey aveva già registrato una bozza di lavoro, una suite strumentale di 20 minuti tipo "Crimson" degli Edge Of Sanity. Siamo partiti da lì e prendendo qua e là dei riff li abbiamo trasformati in canzoni; poi abbiamo trovato un batterista e abbiamo iniziato a suonare e un mese dopo si è unito a noi il nostro bassista Sergej. In due anni abbiamo cambiato tre batteristi e ne abbiamo provato una decina, ma adesso abbiamo trovato Valery e credo che sia l'ideale per noi.

Quali sono le vostre influenze? Mi sembra evidente che ci siano sicuramente gli Opeth.
Sì ci piacciono gli Opeth, ma ci sono molte altre influenze e sono cresciute parecchio nell'ultimo anno. Quando ho conosciuto Audrey, a lui piaceva la musica atonale e io ero un fan del doom metal; mi ha mostrato qualche riff strano e accordi che suonavano in maniera particolare ma erano davvero interessanti. Comunque ci piacciono anche Amorphis, Katatonia, Novembre, October Tide, My Shameful e My Dying Bride... Ora ascoltiamo anche molto progressive metal e credo che band come Meshuggah, Tool, Extol, Maudlin Of The Well, Forgotten Silence e molte altre ci abbiano influenzato. E poi ci piacciono un sacco di stronzate non metal, dal vecchio rock all'elettronica moderna.

Credo comunque che voi incarniate un po' lo spirito dei vecchi Opeth, che ne pensi?
Può essere, ma cosa intendi per i vecchi Opeth? Non credo che il nostro lavoro suoni come "Orchid" o "Morningrise", o altri album.

E i loro album più recenti vi piacciono?
Sono belli! Il modo in cui progrediscono è così naturale che non riesco a tracciare un solco netto tra o loro lavori vecchi e quelli nuovi. Mi piacciono tutti.

Torniamo a voi, cosa puoi dirmi dei testi dell'album?
I testi parlano della natura, dei sentimenti umani e di come questi due aspetti siano legati tra di loro. Non c'è un soggetto concreto, ma un sacco di allegorie e metafore, inspirate da esperienze personali e osservazioni.

Quale credi che sia la vostra migliore qualità, a livello musicale?
Penso che il miglior pregio sia il nostro essere ruvidi e delicati allo stesso tempo: molti amano le parti in growl, ma altri no e allo stesso modo c'è chi non ama le parti acustiche. Noi cerchiamo di avere un equilibrio di tutte queste parti per suonare nella maniera più completa.

In Russia l'underground ha davvero degli ottimi esponenti, ci vuoi consigliare qualcosa?
Purtroppo anche la qualità delle registrazioni 'underground', ecco perchè una bella fetta del pubblico Europeo non apprezza, ma vi consiglio Demon Project, Apokefale, Exventer, Mortem e Morningside. Alcuni di questi sono davvero brutali e suonano alla grande.

State già lavorando su nuovo materiale?
Certo, stiamo andando avanti e abbiamo già quattro canzoni pronte ed altre in idee in testa: si tratta di brani molto lunghi, tra gli 11 e i 15 minuti, e credo che saranno più complesse rispetto a quelle di "The Weed". C'è anche un concept alla base, perchè sono tutte associate al mare e all'oceano.

Vi piace suonare dal vivo o vi considerate più una band da studio?
Penso che il nostro approccio in studio sia più accurato che dal vivo. Ci piace suonare dal vivo, ma i promoter locali non organizzano molte cose, quindi diventa difficile: non abbiamo ancora fatto un tour, per esempio, ma spero che presto lo faremo. D'altra parte meglio un solo disco fatto bene che tanti concerti di merda! È difficile fare dei bei concerti nelle condizioni in cui ci troviamo, ma noi ci impegniamo anche se non riusciamo a realizzarli di frequente.

Avete mai pensato di comporre un album interamente acustico?
Abbiamo fatto qualche show acustico in passato, ma non abbiamo in cantiere un album così. Abbiamo anche composto delle tracce interamente acustiche ma non abbiamo intenzione di inserirle nell'album per adesso.

Qualcos'altro su cui state lavorando?
Per ora stiamo lavorando sul nuovo album che credo verrà registrato all'inizio del 2010; poi stiamo filmando per degli spezzoni che useremo dal vivo, nei concerti di presentazione dell'album.



Sito internet: http://www.alley-band.ru/