Abyss
(Hellvis - Maggio 2004)


Da Modena, ecco gli Abyss. Si tratta di un duo che ha inciso il demo "Humble Yourself", un onesta prova di black metal tradizionale. Francesco, compositore e arrangiatore del gruppo, risponde alle domande di Shapeless.



Ciao Francesco. Gli Abyss sono una band relativamente recente ma so che sia tu che Federico avete un bel curriculum musicale alle vostre spalle. Puoi parlarci delle vostre precedenti esperienze musicali e di tutti i progetti che vi coinvolgono oltre gli Abyss?
Partendo dal 1996 ho suonato con vari gruppi black e power, passando per cover band e progetti personali dove componevo la musica, tutti progetti che non hanno mai trovato un proprio fine in un demo, eccetto per i Knightlord (power metal); ora ho alcuni progetti solisti diversi per genere e un altro gruppo, un ibrido tra Mogwai e Tool... Lippy ha cantato sempre con i Saigon, nei quali sono entrato anch'io in seguito, poi con gli Slavekill e Jesus Hate In Poland... ah, per i Jesus Lippy sta cercando elementi per completare la formazione, se qualcuno è interessato si faccia avanti!

Come mai avete sentito il bisogno di fondare gli Abyss? Per voi che avete fatto esperienza con altri generi, cosa significa suonare black metal?
Per quel che mi riguarda considero il black una forma di arte estrema e suonarlo più che comporlo è uno sfogo notevole, hai presente quando il furore si impossessa di te! Questo è quello che i gruppi più rozzi dal black metal all'hardcore ci hanno insegnato, ad annichilire l'ascoltatore, to humble him!

Ascoltando "Humble Yourself" mi è venuta una certa nostalgia dei bei tempi quando il black metal era ancora underground. Merito dello stile delle composizioni, della spontaneità donata dal fatto che non avete passato una vita nello studio ed anche, diciamocelo, della qualità di registrazione piuttosto rozza. Non ti sembra che un demo di questo tipo corra il rischio di rimanere di nicchia? Non temi che la critica, considerandolo come un tributo al passato, metta in dubbio il vostro valore artistico?
Mah, la critica fino ad adesso ci è stata amica a parte uno o due casi proprio per la registrazione, e anche il pubblico ha risposto con calore, visto che sto per esaurire anche la ristampa di "Humble Yourself"... Per quel che mi riguarda ho una mia vita e fare successo o meno non mi importa... Oggi posso fare quello che mi pare con la musica, una volta firmato un contratto... mah, chissà, non sono mai stato dentro il music business! Certo la registrazione è effettata e storpiata al punto giusto ma la musica, chiamala black scandinavo, hardcore, Abyss-fichende-style, o come ti pare ma è carica e decisa!

"Zur Genealogie Der Moral" è brano veramente sorprendente. Il suo stile bizzarro prende l'ascoltatore di sprovvista, visto che il resto del demo è rigidamente ortodosso. Avete mai pensato di modificare lo stile degli Abyss in vista di un lavoro futuro, magari calcando il sentiero tracciato da questa canzone?
Ah, un patito degli stacchi melodici come me! Bella, allora, quella è la prima song degli Abyss, il riff principale è venuto fuori prima, poi tutto il resto... ho notato che è la canzone che ha fatto più scalpore proprio per il suo stacco netto ed esagerato. Per quanto riguarda il futuro le canzoni ci sono già ma per darti un'idea di come sono seguono lo stile vario e melodico di "Naturmystic"... sono fuori di testa.

Dopo il boom del black metal norvegese degli anni '90 molte band hanno decisamente escluso i connotati antireligiosi del genere per dedicarsi ad un messaggio politico di estrema destra. Voi avete invece sempre dichiarato la vostra contrarietà al nazismo e a qualunque politica di separazione razziale. Credete che questo vi alieni le simpatie dei blackster più oltranzisti? Non pensate che un simbolo come il vostro, con la sua svastica deformata, possa essere facilmente male interpretato? Chiarisci le posizioni degli Abyss sia dal punto di vista politico che da quello religioso.
Ok, è di rito ormai, visto che me la sono cercata... Non credevo che sconvolgesse tanto una cosa innocua come un simbolo al giorno d'oggi svuotato del suo significato se non chiarito a priori... In pratica il logo è una svastica storpiata, ciò che rimane di un'ideologia antirazionale come il nazismo... l'esaltazione dell'io ne è il suo significato primo e forse anche il più affascinante... il bianco non è la purezza come qualcuno che ci credeva nazi ha affermato ma è questa società che mischia colori, posti, idee, senza saperne conservare l'individualità e l'umanità, facendoli aggregare a una velocità tale da rendere tutto uniforme, senza gusto, asettico... una società fatta di persone che non vogliono precludersi nulla di quanto la tecnologia offre, e per questo sono disposti a deturpare l'ambiente con le industrie e le autostrade, a mangiare schifezze a tempo di record in un fast food... gente così cieca da non rendersi conto di che colore sia il cielo chiusi dietro le lenti dei propri occhiali da sole che li isolano dal contatto con l'esterno, contatto che ritrovano parlando al cellulare con qualcun altro, così stupidi da non capire che la politica sono anche loro... Oddio, scusa, mi stavo "infervorando" troppo... Però voglio fare un'ultima considerazione a riguardo: sai bene che la maggioranza della popolazione statunitense è di origine nera e ispanica: nessuno di loro vota! Pensa un po' cosa succederebbe se prendessero coscienza del proprio potere... e, per dio, lo prego con tutto il cuore...

Qual è la tua opinione della scena black italiana? E quella mondiale? Che futuro prevedi per questo genere: un ulteriore declino o una rinnovata crescita?
Non ne ho proprio idea riguardo al futuro de black metal, non so neanche come stia adesso... ho visto molti gruppi black et similia diventare sorprendenti nella loro evoluzione stilistica, come Katatonia e Opeth, ma soprattutto gli Ulver... Bisogna ricordare che la musica non ha confini e che i messaggi che i compositori danno devono essere interpretati e non spiegati... Forse la svastica però era un po' troppo ambigua, era meglio chiarire...

Che progetti avete per il futuro? Qualche concerto in vista?
Non suoniamo dal vivo perché non ho tempo per organizzarli, mi piacerebbe avere una scenografia stupefacente alle spalle come i Tool oggi e i gruppi anni '70, ma purtroppo non ho tempo per nulla in questo periodo. C'ho gli esami all'università da sbrigare! Comunque se si presenterà l'occasione ho già la line-up pronta per i live!

L'intervista è finita. A te le ultime parole.
Ok, grazie... ANNICHILITEVI TUTTI!!! E scrivetemi per qualunque vostra opinione o per il demo! Keep up the dialogue!

Mail: uccidiluomo@libero.it